COMPULSIONE NEVROTICA

MA CHE COSA C'è DI STRANO IN TUTTO QUESTO? lo sanno tutti che nella iniziazione alla "teschio e ossa" Bush 322 Kerry, hanno messo le loro parti intime nel GENDER di Obama! QUì IL SATANISMO è UNA COSA SERIA! Del passato un pò debosciato di David Cameron quando era all'università già si sapeva. MA è STATA PUBBLICATA La biografia che imbarazza Cameron, spinelli e riti sessuali. Su droga e riti sessuali ai tempi confraternita Oxford.
http://www.dailymail.co.uk/news/article-3242494/Revenge-PM-s-snub-billionaire-funded-Tories-years-sparked-explosive-political-book-decade.html

UniusRei3

GLI USA E UE , LORO DEVONO SMETTERE DI SUPPORTARE IL TERRORISMO SAUDITA NEL MONDO! 21 SET - Quattordici persone sono morte oggi in due attentati esplosivi a Baghdad, secondo fonti della sicurezza citate dall'agenzia Ap. Undici morti e 42 feriti è il bilancio dell'esplosione di un'autobomba vicino ad un mercato di verdure nel quartiere di Al Amin, nel Sud-Est della capitale. Altre 3 persone sono morte e 5 sono rimaste ferite da una bomba esplosa al lato di una strada nel distretto nord-orientale di Al Shaab.

UniusRei3

secondo il diritto internazionale la Russia ora ha il diritto di intervenire nel conflitto! LA ARABIA SAUDITA HA ATTACCATO LA FEDERAZIONE RUSSA! 21 SET - L'ambasciata russa a Damasco e' stata colpita ieri mattina da un colpo di mortaio, che tuttavia non ha causato ne' morti ne' danni. Lo rende noto il ministero degli esteri di Mosca condannando l'attacco, attribuito a militanti anti governativi, e auspicando una "chiara presa di posizione da parte di tutti i membri della comunita' internazionale, include le parti regionali". 

UniusRei3

il premier Netanyahu è una scheggia impazzita nel NWO che Bush 322 e Rothschild 666 faranno uccidere! .. e per sua sfortuna? lui non è immortale come Unius REI! TEL AVIV, 21 SET - Israele e Russia hanno concordato "un meccanismo" in grado di prevenire "conflitti" tra i due paesi in Siria. Lo ha detto il premier Netanyahu ai giornalisti israeliani secondo quanto annunciato dagli stessi via twitter. "Ho aggiornato gli Usa - ha aggiunto - prima del viaggio".

UniusRei3
quella puttana di Tsipras  in Grecia ha spergiurato di nuovo su una Costituzione vilipesa e profanata dai massoni! Costituzione che non può prevedere la cessione della sovranità monetaria! Tsipras ha giurato di nuovo per Rothschild TROIKA MERKEL BILDENBERG, ed è di nuovo premier

UniusRei3
SONO ALMENO UNA DOZZINA, tutte LE MALATTIE CHE SI DIFFONDONO non solo nel CALIFFATO SAUDITA OTTOMANO ISIS sharia, ma anche nei terroristi moderati al-Nursa sostenuti da USA, PERCHé, tutti loro si nutrono e MANGIANO CADAVERI IN MODO SISTEMATICO ED ORGANIZZATO! Decine di casi di colera in Iraq

UniusRei3
anche i cristiani in ARABIA SAUDITA vengono condannati a morte, perché sono tutti trafficanti di droga! 21 SETtembre. I SATANISTI MASSONI USA NON POTREBBERO AVERE UN ALLEATO NAZISTA PIù ELOQUENTE: MENTRE PORTANO PROPRIO LUI IN SIRIA (IL SAUDITA ED IL TURCO TERRORISTA GIORDANO) AD INSEGNARE LA DEMOCRAZIA! Un ragazzo di 21 anni, colpevole di aver partecipato ad una protesta contro il Regno di Riad quando era ancora minorenne, verrà decapitato in Arabia Saudita e il suo corpo sarà crocefisso ed esposto in pubblico. Lo riferiscono attivisti sauditi e l'Ong britannica Reprieve che si batte contro la pena di morte. Ali Mohammed al-Nimr, questo il nome del giovane, fu arrestato a 17 anni nel 2012 durante una manifestazione di sciiti a Qatif e fu accusato di far parte di un'organizzazione terroristica.

UniusRei3
LA ARABIA SAUDITA SALAFITA NON TOLLERA CRISTIANI NEL SUO IMPERO CALIFFATO SULTANATO TURCO, INSIEME AI SUOI ALLEATI: I SACERDOTI DI SATANA BUSH 322 KERRY 666 ROTHSCHILD, anche lei: PRETENDE IL SUO TRIBUTO DI SANGUE INNOCENTE, QUOTIDIANAMENTE! 21 SETTEMBRE. E' salito ad almeno 54 morti il bilancio dell'attentato a Maiduguri, la capitale dello Stato nigeriano del Borno, avvenuto ieri con l'esplosione di almeno tre ordigni. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina. Altre 90 persone sono rimaste ferite. Le autorità sospettano si tratti di un nuovo sanguinoso attacco del gruppo estremista Boko Haram nel nordest del Paese.

UniusRei3
E QUALE SPERANZA ABBIAMO NOI DI SAPERE LA VERITà, SE è ERDOGAN CHE CONDUCE L'INCHIESTA? POI, LO SANNO TUTTI CHE TUTTI I TURCHI CHE COMMETTONO OMICIDI DI CRISTIANI, SONO TUTTI CITTADINI CON GRAVI PROBLEMI MENTALI SHARIA NATO TROIKA CIA MERKEL, PROPRIO COME è ANCHE LA MALATTIA DI ERDOGAN! ISTANBUL, 21 SET - Un cittadino siriano è stato arso vivo stanotte nell'incendio scoppiato su un bus a Tarsus, nella provincia meridionale turca di Mersin. Lo riferiscono media locali. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti l'autista dell'autobus ha accostato dopo che il motore del mezzo ha preso fuoco, evacuando rapidamente i passeggeri. Il siriano, che secondo alcune testimonianze stava dormendo, è rimasto dentro il bus avvolto dalle fiamme. Sull'episodio è stata aperta un'inchiesta.

UniusRei3
come fa un Hitler sharia, a fare un accordo con un altro Hitler sharia, per realizzare una maomettana hitlerilandia in Gerusalemme? così, proprio nell'appartamento al piano di sotto, del nostro stesso condominio? ] NULLA è PIù FOLLE DEI NOSTRI POLITICI MASSONI I CAMERIERI DEI BANCHIERI! [ L'accordo finale tra le fazioni libiche su un governo di unità nazionale sarà annunciato nelle prossime 48 ore. Lo riferisce una fonte da Skhirat, in Marocco, dove l'Onu sta mediando il dialogo politico, al sito di informazione al Wasat. Il documento dovrebbe poi essere firmato dopo la Festa del Sacrificio (Eid al Adha) che finirà il 27 settembre. La comunità internazionale aveva auspicato che le parti raggiungessero l'accordo entro oggi.

UniusRei3
Maometto la bestia di satana non è soltanto un pedofilo, ed è questo che rende inevitabile la distruzione della LEGA ARABA fondata sulla sharia ]  Quello degli abusi sessuali sui bambini è da tempo un problema "dilagante" in Afghanistan, soprattutto da parte dei comandanti della polizia, che dominano le zone rurali del Paese, scrive il Nyt. Ai "soldati americani e ai Marines è stato detto di non intervenire", spiega il giornale, che cita interviste e documenti legali.
    In particolare, un soldato ucciso nel 2012 aveva raccontato al padre questi episodi di violenza sessuale nella sua base e il padre gli aveva consigliato di denunciarli ai suoi superiori.     Tuttavia, ha proseguito il padre, secondo quanto riporta il New York Times, "mio figlio mi disse che i suoi ufficiali gli avevano detto di guardare dall'altra parte perché fa parte della loro cultura". 

UniusRei3
GAYLAND è GENDER ideologia? E L'INCONTROLLABILE AUMENTO DEMOGRAFICO è FUNZIONALE A RENDERE INEVITABILE UN CONFLITTO BELLICO MONDIALE, E INEVITABILE LA DISTRUZIONE DELLA CIVILTà EBRAICO CRISTIANA, CHE è L'UNICA RISORSA CULTURALE E SPIRITUALE CHE PUò OPPORSI CON INTELLIGENZA AL SATANISMO, SI! IL SISTEMA massonico S.p.A. Banca CENTRALE è il culto di satana! ] [ pubblicato in data 28 mag 2015. da eugenio benettazzo. GAYLAND. Quando ero adolescente e frequentavo le scuole superiori ricordo che nella mia classe mai venne emerso il sospetto che tra di noi compagni di classe vi fosse un omosessuale e nè tanto meno una lesbica. Ho avuto la sorte di frequentare i primi tre anni presso un liceo di città e successivamente gli altri due anni in un liceo di provincia. In tutte e tre le classi a cui sono stato assegnato, posso confermare quanto sopra, non mi risulta che ci fossero casi eclatanti di omosessualità per ambo i sessi. Ora non so se a distanza di 25 anni qualcuno di loro abbia fatto recentemente outing, tuttavia anche di questo non ho feedback positivo. In complesso stiamo parlando di circa 75/80 ragazzi adolescenti (tra maschi e femmine), suddivisi in tre classi di appartenenza di circa 25 alunni. Di certo se qualcuno lo fosse stato all’epoca se ne sarebbe ben guardato di annunciarlo agli altri con il megafono. Chi è nato all’inizio degli anni Settanta ricorderà maieuticamente come il fenomeno dell’omossessualità sia sempre stato trattato con molto distacco e riservatezza a causa dei luoghi comuni che all’epoca lo collegavano strettamente all’AIDS. Mi ricordo ancora che negli spogliatoi dei maschi durante l’ora di ginnastica si era soliti bighellonare con l’intento di deridere qualche compagno di classe con esternazioni poco prosaiche del tipo: Stai zitto culetto frocetto oppure stammi distante aprichiappe malato di Aids. Se qualcuno lo facesse oggi, rischierebbe forse qualche anno ai domiciliari per discriminazione oltre all’espulsione dalla scuola.
Non so se nello spogliatoi delle femmine il tono della conversazione degenerava alle volte in cotanto turpiloquio. Sta di fatto che in cinque anni di scuola superiore o quattro anni di università non mi è mai capitato di aver dovuto affrontare la diversa convenzionalità dell’attrazione sessuale tra esseri umani durante una lezione o per iniziativa di qualche docente. Allora l’unico riferimento che avevamo era quello di Freddie Mercury, morto di AIDS nel 1991 a fronte della sua conclamata omosessualità. Alcuni giorni fa mi sono imbattuto in una comitiva studentesca in aeroporto che si stavano dirigendo a Malta per un full immersion di lingua inglese, quanto ho avuto modo di vedere incidentalmente mi ha lasciato piuttosto colpito. Nella scolaresca vi erano due compagni di classe di sesso maschile che si scambiavano costantemente tenerezze piuttosto esplicite senza tanto nasconderlo agli occhi dei loro coetanei. Casualmente alcuni di loro si sono seduti in prossimità delle panchine di attesa in cui mi trovavo e mentre aspettavano l’imbarco dialogavano tra di loro sulle loro recenti conquiste o esperienze sessuali. Emerge dalla loro discussione che due loro compagne di classe, a detta di una ragazza all’interno di questo gruppo, avrebbero già avuto rapporto sessuali tanto etero quanto omosessuali, in particolar modo una di queste compagne di classe, che evidentemente non era presente, si sbizzarriva a passare da un boyfriend ad una girlfriend a seconda di come >>omississ<< (troppo volgare non lo posso scrivere).
Stando alle più autorevoli proiezioni demografiche, entro il 2040 almeno il 40% della popolazione mondiale sarà omosessuale (gay e lesbiche), in Italia al momento questa percentuale si attesta al 15%. Tuttavia il dato dovrebbe essere letto in termini di moda statistica e non di media statistica, questo significa che la percentuale di eterosessuali è lentamente, ma progressivamente, in discesa soprattutto nelle giovani generazioni. Effettivamente oggi anche una persona poco attenta nota la presenza di molti più persone (tanto maschi quanto femmine) attorno a lui dagli atteggiamenti e parvenze oggettivamente difficili da ricondurre al life style della popolazione eterosessuale. Il tema è ormai un must di ogni contenitore mediatico (radio, cinema, televisione, web), tanto che lo stesso governo italiano al pari di altri europei ha messo in gestazione la proposta di legge per l’istituzione delle nozze gay. In 25 anni qualcosa deve essere accaduto da aver mutato de facto la percezione del fenomeno e soprattutto il fenomeno stesso. Da questo punto di vista vi sono due letture interpretative una di natura fisiologica ed una di natura antropologica. La prima prova a spiegare l’aumento progressivo della popolazione omosessuale come side-effect delle alterazioni ormonali che connota tutta la filiera alimentare della carne per consumo umano (pensiamo agli allevamenti intensivi) che a cascata produce conseguenze sul sistema ormonale umano. Non che sia una novità vi sono fior di ricerche che supportano la bontà di questa ipotesi.
La seconda è stata abbozzata ancora da Charles Darwin nel 1859 con l’opera “Appunti sulla trasformazione delle specie” suffragata qualche anno dopo dal lavoro dell’economista e filosofo inglese, Herbert Spencer nel 1862, con il saggio denominato “Teoria della Popolazione”, richiamando entrambi la modalità di evoluzione del comportamento sociale attraverso la selezione naturale. Quest’ultima infatti si può manifestare nelle specie animali tanto per motivazioni genetiche che sessuali. Solitamente le specie molto intelligenti tendono a prediligere la via sessuale. In buona sostanza le specie animali che non hanno antagonisti concepiscono l’evoluzione sociale come una competizione in un ambiente in cui le risorse naturali non sono sostenibili nel lungo termine e pertanto al fine di proteggere la specie stessa (principio naturale di sopravvivenza) possono sviluppare comportamenti omosessuali al fine di ridimensionare il momentum demografico. Quando sono nato la popolazione mondiale era stimata a poco più di 4 miliardi di persone, quando ho iniziato l’università eravamo quasi 6 miliardi ed oggi siamo oltre i 7 miliardi e 318 milioni. Ogni cinque giorni la specie umana aumenta al netto delle morti di un milione di unità. L’evoluzione della nostra specie sta implementando dei freni naturali per impendire l’autodistruzione e la pressione che esercitiamo sugli altri ecosistemi. Non stupitevi pertanto se prima del 2050 verrà creata l’Authority per il Mantenimento della Popolazione Umana, visto che a quel punto il concepimento di nuove nascite rappresenterà una variabile economica da gestire al pari del PIL o dell’inflazione.
http://www.eugeniobenetazzo.com/momentum-demografico-comportamento-omosessuale/

UniusRei3
in realtà al SUD noi abbiamo un tasso di disoccupazione che supera il 40%.. ed abbiamo sacche mostruose di povertà e di dePrivazione! QUESTO DEGLI IMMIGRATI CLANDESTINI PUò ESSERE SOLTANTO UN GIOCO AL MASSACRO! QUALCUNO HA DECISO CHE NOI DOBBIAMO ESSERE DISTRUTTI ]  LOTTERIA SODOMIA. Dal punto di vista mediatico i prossimi mesi ci permetteranno di assistere all’apoteosi del qualunquismo cattocomunista e della propaganda radical chic. A mio modo di vedere dobbiamo imparare a metabolizzare il tutto come se fosse una sorta di nuovo reality dal taglio molto comico: penso sia l’unico modo per passare l’inverno senza avere la nausea ogni volta che ci si sintonizza su un emittente nazionale per ascoltare un approfondimento sui principali fatti di cronaca. Adesso infatti tutta l’attenzione mediatica è focalizzata sul muro in costruzione in Ungheria e sulla sua principale funzione ovvero fermare l’avanzata e l’ingresso di clandestini provenienti dalle aree balcaniche attraverso il confine serbo. In realtà usare il termine muro è improprio e fuorviante, trattasi nello specifico di una semplice rete metallica di filo spinato presidiata da forze militari come dovrebbe essere ogni confine nazionale. Un paese sovrano come l’Ungheria ha decretato che attraversare questo muro o rete di contenimento senza i relativi permessi rappresenta da qualche giorno un crimine punito fino a tre anni di reclusione. La propaganda buonista in Italia ovviamente condanna ferocemente il governo ungherese, al pari di come stanno facendo alcune istituzioni internazionali tipo l’ONU e parte dell’Unione Europea, quest’ultima entità astratta che può essere considerata come la causa primaria di quanto sta accadendo attorno ai suoi confini, volutamente non presidiati per ragioni di cui abbiamo parlato in altri post.

Si è arrivati a paragonare l’Ungheria alla Germania Nazista per innalzare il tono della conversazione e porre in cattiva luce questa nazione europea che si comporta da sovrana sul proprio territorio, proprio come dovrebbe essere. Stando ai vari giornalisti buonisti e commentatori di sinistra, questo muro è una vergogna per l’intera umanità e per le vicende che caratterizzano quest’epoca infelice. Peccato che sia solo questo muro che scandalizza così tanto, nessuno infatti si sogna di contestare o mettere in discussione il muro che ha alzato Israele nei confronti della Cisgiordania (un tempo provincia siriana), un muro di cemento cinque volte più lungo di quello ungherese, con la differenza che quello israeliano non è una rete metallica ma una invalicabile barriera di cemento. Stranamente tale muro trova il consenso di tutta la propaganda buonista, anzi si è arrivati a ribattezzarlo con il termine di barriera di sicurezza, mentre quello ungherese è stato definito il muro della vergogna anche se di fatto stiamo parlando di una reticolo metallico. Costruire muri, protezioni e cercare di difendersi fa parte della natura di ogni essere animale, essere umani compresi, pensiamo solo a quanti animali lo fanno quotidianamente con vari espedienti al fine di sentirsi protetti da chi è da loro diverso: è naturale cercare difesa quando si viene aggrediti o si teme per una potenziale aggressione o pericolo.

In rete è pieno di filmati che mostrano come la censura mediatica occidentale abbia operato in questi mesi per evitare di far vedere chi sono veramente i clandestini che adesso sono stati battezzati migranti economici. Su uno degli ultimi servizi giornalisti che ho visto, la reporter parlava di profughi in fuga dal loro paese, citando il Pakistan, la Nigeria, il Bangladesh: peccato che in nessuno di questi paesi via sia in corso una guerra civile. Se fossimo in un altra epoca staremmo già in pieno conflitto civile, tuttavia grazie ad un instupidimento globale reso possibile dai social network e da una educazione e formazione scolastica ormai aberrante, il livello di autocoscienza medio delle persone si è notevolmente abbassato. Abbiamo compreso che questi flussi di immigrazione clandestina servono all’Unione Europea per rafforzarsi demograficamente consentendo in questo modo la sostenibilità finanziaria di tutti i propri sistemi di welfare e retirement. Gli USA per chi non lo sapesse gestiscono il tutto con la Green Card Lottery conosciuta ufficialmente con il termine di Diversity Immigrant Visa Program istituita nel 1990 con l’Immigration e Nationality Act. Sostanzialmente si tratta di una vera e propria lotteria che assegna a caso un numero massimo di 55.000 permessi di residenza permanente a immigrati provenienti da paesi con un basso tasso di immigrazione nei confronti degli USA stessi.

Gli USA non possono essere considerati come l’Europa, in quanto trattasi di una nazione giovane (se rapportata ad altre) che è nata ed ha preso forma proprio con l’immigrazione di risorse umane da altre parti del mondo essendo stata una terra vergine poco abitata (tralasciando il vergognoso sterminio indiano). Nonostante questo ancora ad oggi è il paese in cui le tensioni e le differenze razziali e sociali sono tre le più acute e problematiche di tutto il mondo. Nemmeno gli USA tuttavia sono sono stati cosi folli da rilasciare mediante lotteria il visto a chiunque, vi sono immigrati di alcuni paesi che sono considerati non eligibili ovvero non possono in ogni caso partecipare all’estrazione a sorte della Green Card. Tra queste nazioni troviamo ad esempio l’Etiopia, l’Egitto, la Nigeria, il Pakistan, il Bangladesh, la Colombia e cosi via: la lista di questi paesi varia nel tempo a seconda delle guide linea del Dipartimento di Stato. Quindi anche nei confronti di coloro che grazie alla sorte potranno entrare negli USA con un regolare permesso di residenza, l’America attua una selezione sulla base di criteri sia statistici che demografici. Da circa un anno invece l’Unione Europea ha voluto varare un programma molto più audace e conveniente (tuttavia senza alcuna legittimazione) incentrato sulla condotta del Just Come, Then Enter ossia il primo che si presenta sui nostri confini da clandestino entra senza difficoltà e ottiene una serie di benefici economici a discapito di chi invece decide di entrare per vie legali e spesso molto costose: alcuni l’hanno battezzata Lotteria Sodomia.

UniusRei3
il collasso della civiltà occidentale: e il complotto della finanza dei Rothschild MERKEL troika GENDER e BILDENBERG ] DIVENTEREMO CATTIVI. pubblicato in data 10 set 2015 | migrants. Durante il Terzo Reich, con l’intento di promuovere il plagio dell’ideologia nazionalsocialista in Germania, venne istituito il Reichsministerium fur Volksaufklarung und Propaganda, più conosciuto come il Ministero della Propaganda affidato a Joseph Goebbels incaricato di controllare la cultura nazionale e tutte le sue possibili manifestazioni ed espressioni. Per quanto ancora oggi guardiamo a questa istituzione del Governo di Hitler prendendone le dovute distanze, è doveroso ricordare che quel ministero venne istituito a fronte di un governo democraticamente eletto dalla Germania di allora in cui il programma di governo era stato ben delineato, spiegato e illustrato (a parte ovviamente la Soluzione Finale). Chi avesse all’epoca votato per il Partito Nazionalsocialista aveva ben presente che cosa avrebbe fatto il nuovo governo per la Germania almeno nei primi anni di vita. Sappiamo poi come il tutto è degenerato negli anni successivi e a che conseguenze ci ha condotti. Ora spostiamoci ai tempi nostri, in particolar modo in Italia e facciamo una riflessione: chi sta guidando il Paese non è stato eletto da nessuno, non fa nemmeno parte del Parlamento come deputato o senatore. Soprattutto quanto sta realizzando a fronte di una propaganda buonista di cui in precedenza nessuno è mai stato notiziato. Prima di lui, ci aveva già provato anche il suo predecessore, ma almeno aveva avuto il tatto diplomatico di iniziare con un piccolo passo di rottura con il passato, seppure molto contestato (leggasi Kyenge con Letta).

In buona sostanza oggi l’intero Paese deve accettare sommessamente la propaganda buonista di una parte politica che si erige a detentrice della verità assoluta quasi il suo leader fosse un nuovo fuhrer il cui credo non viene più prima conosciuto e successivamente abbracciato o respinto, quanto tuttavia solamente imposto al pari di un dogma. Così è perchè qualcuno ha deciso che si deve fare in tal senso. La propaganda propone in prima serata sulla prima rete nazionale una penosa fiction dal nome che è tutto un programma Anna e Yussef per spingerci ad abbracciare ancora più fermamente il loro punto di vista imposto dall’alto. Vi dovete integrare, siete obbligati a farlo, questo è stato deciso da qualcuno nel vostro interesse, pertanto tutti coloro che la pensano diversamente rappresentano il male della nazione o una minaccia per l’umanità essendo in contrasto con gli ideali cristiani su cui questo Paese si fonda. Pensateci un momento: vi è mai stato un partito politico il cui programma di governo prevedeva le frontiere aperte a tempo indeterminato, l’assenza di controlli e limitazioni sui flussi di immigrazione o le sovvenzioni economiche quotidiane per i diversamente italiani. Nessuno si è mai sognato di mettere sulla propria agenda niente di tutto questo. Casomai l’esatto contrario. Una scelta di governance di questa portata epocale è stata implementata a fronte di nessuna espressione di consenso popolare e né tanto meno legittimazione. Semplicemente chi governa il Paese ha decretato o meglio dire imposto a tutti che così si deve fare e così si farà.

Siete mai stati chiamati a votare per esprimere il vostro parere sulla questione ? Vi è mai stata una consultazione popolare del tipo: vuoi integrarti con culture diverse da quella tua oppure vuoi che lasciamo aperte le frontiere senza alcun tipo di controllo in modo che possa entrare chiunque lo desideri ? Niente di tutto questo vi è mai stato chiesto. Se ci fossero le elezioni politiche nei prossimi due mesi il primo partito diventa la Lega Nord, ne ho la assoluta convinzione. Mi bastano le impressioni e la frustrazione che hanno centinaia e centinaia di persone (operai, pensionati, imprenditori, autonomi) che sino a qualche anno fa erano tutto sommato moderati e ben disposti a supportare l’immigrazione, ma ora stanno montando un desiderio di vendetta, la rabbia hanno visto che non porta da nessuna parte. Non è casuale che chi governa adesso proponga l’azzeramento delle imposte sulla prima casa, deve infatti cercare di preservare quel consenso vitale per il suo piano di azione. Mi auguro che questa volta si riduca sensibilmente la parte di italiani che si faranno comprare con il denaro, ricordando le conseguenze che scaturirono dai famosi 80 euro in busta paga. All’estero conoscono più Salvini che Renzi, e proprio sul primo ripongono maggiori speranze ed aspettative. Quando sento un ex-attivista del PD che mi dice che preferiva il tempo in cui c’era Berlusconi, forse significa che vi è speranza in un cambio di rotta. Si continua ad invocare Shengen a giustificazione di quanto sta accadendo, tuttavia si dimentica che Shengen ha lo scopo di consentire la libertà di circolazione di capitali e persone a fini lavorativi da un paese all’altro (mi sposto perchè in Francia ho ricevuto una migliore offerta di lavoro) e non per sfruttare o beneficiare del welfare di un altro stato (mi sposto per sfruttare l’altrui assistenza sanitaria).

Proprio come è stato subdolamente acquisito il consenso, mediante una retorica perniciosa ed una propaganda fuorviante facendo leva sul vil denaro (pensiamo agli 80 euro ed al voto durante le elezioni europee di Maggio 2014) sarà tuttavia proprio quest’ultimo che consentirà di pareggiare i conti. Denaro ed ancora denaro. Quando la gran parte degli italiani si renderà conto di quanto diminuiranno il valore delle proprietà immobiliari in cui hanno investito o in cui vivono a causa degli effetti deleteri di una immigrazione clandestina e selvaggia, che impatterà sul patrimonio di immobili residenziali soprattutto delle aree urbane popolari, allora vedrete quanto diventeremo cattivi. Ne avete avuto un primo assaggio qualche mese fa con episodi di tensione e scontro sociale (mai visti prima) proprio dalle mie parti. Non si tratta più di andarsene via dall’Italia per l’oppressione fiscale o per la geronto-burocrazia onnipresente, quanto piuttosto per allontanarsi e lasciarsi alle spalle il disagio ed il contrasto sociale che si percepirà in misura insopportabile nei prossimi anni. Alcuni colleghi statunitensi mi hanno chiesto se abbiamo perso come italiani completamente il buon senso o la ragione: negli USA non sono riusciti ad integrarsi in cinque secoli mentre noi dovremmo avere la presunzione secondo chi ci governa di farcela in cinque anni. Quello che aspetta gli italiani che rimarranno nella loro terra nativa rappresenterà un incubo o il peggio dei due mondi (stagnazione economica e intolleranza sociale in progressiva ascesa). Sono pronto a scommettere che tra 25 anni in Italia chi oggi ha figli, invidierà chi non li ha avuti o ha scelto di non averli.
http://www.eugeniobenetazzo.com/propaganda-buonista-in-italia-conseguenze-patrimonio-immobiliare/
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

open letter to ARAB LEAGUE ] VOI SMETTETE DI PERSEGUIRE LA VIA DEL DELITTO: la strumentalizzazione di ogni diritto internazionale e di ogni verità giornalistica: il bullismo internazionale nel suo INSIEME, desistete abbandonate i VOSTRI ALLEATI I SATANISTI MASSONI FARISEI ANGLO-AMERICANI! Voi potete salvare l'ISLAM soltanto abbandonando il nazismo della sharia e passando compatti nel blocco con Russia e CINA! non c'è nessuna capra che potrebbe fare, troppo a lungo l'alleata felice dei crimini del lupo!
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

 se non si possono fermare i balordi terroristi sharia, chi allora potrebbe fermare la LEGA ARABA sharia? che, giustamente, la vittoria sarà dell'ISLAM! E QUALE è LA PIù GRANDE INFAMIA? LE ELITE MASSONICHE DI SACERDOTI DI SATANA USA UE BILDENBERG troika MERKEL, STANNO PORTANDO I POPOLI CRISTIANI, ORMAI TOTALMENTE SOGGIOGATI, ED ASSERVITI DAL REGIME USUROCRATICO, AD UNA GUERRA FRATRICIDA CONTRO LA CRISTIANA RUSSIA, PERCHé CALIFFATO SAUDITA E IL SULTANATO SAUDITA SI POSSANO DIFFONDERE NEL MONDO! AFFINCHé, SI RENDA NECESSARIA UNA QUARTA GUERRA MONDIALE, PER FARE SPARIRE ANCHE L'ISLAM DAL PIANETA! E QUESTO GIOCO DI ESPANSIONISMO GALASSIA JIHADISTA, CHE GLI USA HANNO IMPOSTATO, PIACE AI MANIACI RELIGIOSI ISLAMICI, PERCHé ALLAH AKBAR è LUI CHE DEVE VINCERE, OVVIAMENTE, è QUESTO TIPO DI FEDE DEMONICA, che non è capace di nessuna autocritica, ma, che anzi, gli enormi successi territoriali, di pochi balordi terroristi con pochi mezzi, che possono produrre impunemente, un tale martirio o genocidio di tutti i dhimmi, su larga scala mondiale accredita, il risultato finale: cioè, che la vittoria sarà dell'ISLAM! perché, se non si possono fermare i balordi terroristi sharia, chi allora potrebbe fermare la LEGA ARABA sharia?
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

VANNO DISINTEGRATI I GRANDI CAPITALI FINANZIARI, CIOè I GRANDI DEPOSITI FINANZIARI, CHE NON SONO INSERITI IN NESSUN VOLANO PRODUTTIVO! ecco perché sia I FINANZIERI, che, I BILDENBERG, cioè tutto il sistema massonico, hanno deciso di portare in segno positivo tutte le economie occidentali, affinché, non sia evidente che la causa scatenante della guerra mondiale è la recessione monetaria! MA QUESTA è la "miglioria della morte" cioè, un fenomeno di miglioria complessiva biologico, che, precede il collasso definitivo dell'organismo biologico stesso! io pretendo la distruzione del 50% della massa monetaria MONDIALE, cioè tutto il denaro che non può essere coperto dal prodotto interno lordo di una Nazione deve essere bruciato! OVVIAMENTE VANNO DISINTEGRATI I GRANDI CAPITALI FINANZIARI, CIOè I GRANDI DEPOSITI FINANZIARI, CHE NON SONO INSERITI IN NESSUN VOLANO PRODUTTIVO!
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

un deficiente qualsiasi, si rende subito consapevole, di come possa essere assurdo un discorso del genere: TUTTA LA ECONOMIA GIRA INTORNO A RENDITE FINANZIARIE PARASSITARIE, QUANDO L'INTERESSE SUL DENARO è SOLTANTO UN CRIMINE CHE DEVE ESSERE ABOLITO, PERCHé è UNA FORMA PARASSITARIA DI SFRUTTAMENTO CRIMINALE CONTRO OGNI TIPO DI Attività PRODUTTIVA! ECCO Perché è STATA CREATA, IN MODO FRAUDOLENTO, UNA ENORME MASSA MONETARIA (DERIVATI, BOLLE FINANZIARIE) I CUI INTERESSI, I POPOLI NON RIESCONO PIù A PAGARE, E CHE FINISCONO PER ERODERE LA SOLIDITà DEI CONTI CORRENTI DELLE FAMIGLIE DEL MONDO, E PER NASCONDERE QUESTA TRUFFA? è NECESSARIO FAR MORIRE I POPOLI IN UNA GUERRA MONDIALE! IO PROPONGO LA PENA DI MORTE, sia, PER I FINANZIERI, che, PER I BILDENBERG "Senza ripresa demografica o meglio ancora boom delle nascite non vi possono essere le condizioni per una crescita economica vigorosa e frizzante in grado di dare conforto ad altre variabili economiche quali il debito pubblico, il peso del welfare sul PIL e soprattutto la sostenibilità finanziaria infragenerazionale delle rendite pensionistiche. Tutti i paesi leader ad economia di mercato sono caratterizzati da questo elemento in comune ovvero il crollo del fertility rate al quale si affiancano i processi di invecchiamento della popolazione: tale fenomeno è particolarmente vistoso e preoccupante proprio nel Vecchio Continente, considerato la culla di tutti i sistemi di welfare e retirement avanzato. Rappresenta una priorità nazionale per ognuno di loro trovare la soluzione pratica per risolvere il deficit demografico."
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

QUELLI DELLA CRESCITA infinita del cazzo Rothschild per farti sbattere contro una guerra mondiale nucleare, perché i cadaveri non vanno in banca a controllare che, il loro denaro non è mai esistito! IO PRETENDO LA DISTRUZIONE DEL 50% DI TUTTA LA MASSA MONETARIA MONDIALE perché è finta!
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

How The Palestinian Authority Has Robbed The World of 31 Billion US Dollars. Over the last 20 years, various countries, including Canada, have invested over US$30B in the emerging Palestinian state, with little to show for it. Calev Myers of the Jerusalem Institute of Justice explains why. "The international community made a terrible mistake in 1994," Myers says. "In order to push for two states for two peoples, they recognized Yassir Arafat as the legitimate leader of the Palestinian people and helped him create the Palestinian Authority." Before Arafat came to power, much of the money for Palestinian health care and education came from private NGOs. But starting in 1994, he asked international governments to give him the money directly to build infrastructure. Instead he shut down clinics and left building projects abandoned. The money disappeared. Where did it go? Besides ending up in Palestinian leaders' bank accounts, Meyers says it is also given to Palestinians "sitting in Israeli prisons for carrying out violent crimes against Israelis." These terrorists are even paid on a sliding scale depending on how brutal the crime was. So what is the solution? Myers offers some suggestions for change.
 ·
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

How Islamists Prepare to Ambush Police on The Temple Mount [  NAZIONI del mondo la devono smettere di supportare la sharia, il terrorismo islamico a tutti, e di fare degli israeliani e dei cristiani la carne del macello. ]
The Foreign Ministry released a revealing video showing how radical Islamists barricaded themselves in the Al-Aqsa Mosque on the Temple Mount to attack police during the two day Rosh Hashanah holiday, which spanned from Sunday night to Tuesday night. A statement from the ministry noted that on Sunday, "a group of some 150 radical Islamic operatives rioted on the Temple Mount/Haram al-Sharif plaza in Jerusalem's Old City." "The riots were launched with the intent of undermining the status quo on the Temple Mount, which protects the right of Muslims to pray in the al-Aqsa mosque, as well as the freedom of all people, regardless of their faith, to visit the Mount. The rioters disrupted visits by tourists and Israelis to the Temple Mount plaza - the holiest site in Judaism." In fact, Israeli law protects the freedom of Jews and other non-Muslims not only to visit the Temple Mount but also to pray there, as the ministry noted by stating, "Israel's official policy, first laid down in its Declaration of Independence, protects freedom of religion and worship for all faiths." However, after the Mount was liberated in the 1967 Six Day War it was left under the de facto control of the Jordanian Waqf, which has banned Jewish prayer at the holiest site in Judaism in a discriminatory status quo the government recently reaffirmed it intends to maintain. The ministry noted that in the Rosh Hashanah riots, "the operatives clearly planned their aggression many days ahead: they had barricaded themselves in advance inside the al-Aqsa mosque, where they stockpiled rocks, planks, wooden sheets and fireworks, and also prepared Molotov cocktail firebombs and explosive devices." Police locked the rioters in the mosque so as to restore order and allow visitors to return to the site. That law enforcement - and not the Arab riots - received widespread condemnation, as Saudi Arabia appealed to the UN to take action against Israel. Even after Rosh Hashanah ended, the riots continued on Wednesday, with Arab MKs even getting in on the action attacking police and harassing Jews. The planned riot to block Jewish access to the Temple Mount on the Jewish New Year is part of a pattern that has been repeated numerous times. In July on Tisha B'Av, a day mourning the destruction of the First and Second Temple, Arab rioters similarly barricaded themselves in the mosque to launch an attack.
 ·
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

le NAZIONI del mondo la devono smettere di supportare la sharia, il terrorismo islamico a tutti, e di fare degli israeliani e dei cristiani la carne del macello. Israeli Prime Minister Netanyahu vowed to act forcefully against Palestinian terror and rioting while restoring peace to the Temple Mount. Prime Minister Benjamin Netanyahu said on Sunday morning that he was determined to fight the latest wave of Palestinian terror in Jerusalem. “Whoever tries to attack us, we will hurt him,” the Israeli leader asserted.
“Stones and firebombs are deadly weapons; they kill and have killed,” he stated at the beginning of weekly cabinet meeting.
“Therefore, in recent days we have changed the open-fire orders for police in Jerusalem. Already over the weekend they used the new measures under the new orders and immediately hit those throwing stones and firebombs.”
Israel’s government has also begun advancing legislation to impose fines on the parents of minors who throw stones and firebombs, he added.
“No less important in my view is the advancing of legislation to set minimum punishments for those who throw stones, firebombs and fireworks. We cannot accept the principle that in Jerusalem our capital, or in any part of the State of Israel, in the Galilee or in the Negev, that people will organize terrorism and begin to stone passing cars or throw stones and murder people. This norm will not be established here; rather, an opposite norm will – we will act against you and stop you, and we will punish you with the full force of the law,” Netanyahu vowed.
He also expressed  deep appreciation for the Israeli police. They are “fighting against these phenomena under conditions that are not simple… I was impressed by their determination and their readiness to act, and I thought that it would be proper for the government to allow the police to act in order to protect Israel’s citizens.”
Ramallah is to Blame for the Violence
He reiterated Israel’s commitment to maintaining the status quo on the Temple Mount. “We are not altering the status quo. Elements that incite with baseless, wild provocations – to the effect that Israel is trying to prevent Muslim prayer on the Temple Mount or wants to destroy the mosques, or other wild things that are being said – it is they who are inciting. This incitement comes from the Muslim Brotherhood, the Islamic Movement in Israel, Hamas, and – to our chagrin – with the active participation of the Palestinian Authority.”
Rock terror
A Palestinian rioter throws rocks at Israeli Border Police. (Hadas Parush/Flash90)
He said blame for the violence should be placed not on Jerusalem, but on “Ramallah, Gaza and agitators in the Galilee” as well as on “Turkey, from which incitement issues forth on a daily, even hourly, basis.”
The terrorists are using not only rocks and firebombs, but also explosives and pipe bombs on the Temple Mount, he pointed out. “Explosives in Al-Aqsa Mosque – that is changing the status quo.”
He called on Israel’s leaders to unite behind the government’s “determined and responsible action on the Temple Mount, in Jerusalem and throughout the State of Israel. By taking determined action over time, we will restore quiet.”
Following the cabinet meeting, the prime minister met with the defense, public security and justice ministers as well as representatives of the attorney general’s office and the security forces to discuss the latest developments and new deterrence measures.
By: Max Gelber, United with Israel
 ·
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

Saudi Arabia, World’s Human Rights Sewer, Heads UN Human Rights Panel. ]  questa è la peggiore dittatura del mondo sotto protezione ONU ] [ Not a week goes by without Saudi Arabia demonstrating to the world why they retain their reputation as one of the world’s foremost human rights sewers. Saudi Arabia may have beheaded more people in the last year than ISIS, yet it was appointed to head a key UN Human Rights panel. By Douglas Murray. First published by The Gatestone Institute. The United Nations Human Rights Council (UNHRC) in Geneva is an organization that may be easy to critique, but it is very hard to satirize. Ordinarily, if you told anyone that there was a place in Switzerland where Sudan, Iran and others of the world’s worst dictatorships and human rights abusers have their views on human rights treated with respect and deference, you would assume the script was written by Monty Python. Idi Amin would make an appearance at some point to share his views on how to improve equal conditions for women in the workplace. Pol Pot would crop up in order to castigate those countries where living standards had not been sufficiently raised in accordance with global averages.  UN Human Rights Council crimunals ] [ Everything that happens in Geneva is beyond satire. But last week provides a demonstration, outrageous even by the standards of the UN. For this week, it came out – thanks to the excellent organization UN Watch — that Saudi Arabia has been appointed as the head of a key UNHRC panel. This panel selects the top officials who shape international standards in human rights; it is intended to report on human rights violations around the world. The five-member group of ambassadors, which Saudi Arabia will now head, is known as the Consultative Group and has the power to select applicants to fill more than 77 positions worldwide that deal with human rights issues. It appears that the appointment of Saudi Arabia’s envoy to the UNHRC, Faisal Trad, was made before the summer, but that diplomats in Geneva have kept silent on the matter since then.

That this appointment had to leak out months after the event raises the possibility that the UNHRC, contrary to popular perception, actually does have some sense of shame. Otherwise, why not shout from the rooftops that Saudi Arabia has won this prestigious position? Why not distribute a press release? After all, Saudi Arabia — and by extension the UNHRC — have nothing to be ashamed of, do they?
Imprisoned Saudi dissidents Raif Badawi (left) and Ali Mohammed al-Nimr. (Gatestone)
Alas not a week goes by without Saudi Arabia demonstrating to the world why they retain their reputation as one of the world’s foremost human rights sewers. Saudi Arabia may have beheaded more people in the last year than ISIS, but only rarely do any of these cases get more than a flicker of international attention. Occasionally a case breaks above the waves of public opinion. One such case is that of the jailed blogger Raif Badawi, sentenced last year to 10 years in jail and 1000 lashes for “insulting Islam.” The plight of Raif Badawi, who has already been served the first 50 lashes, and is being held in prison while awaiting the rest, has garnered international attention and condemnations of Saudi Arabia. The kingdom’s response has been strongly to denounce “the media campaign around the case.”
But the glare of international opinion clearly disturbs the Saudi authorities – a fact well worth keeping in mind. And it is not as though they have nothing to hide. This week brings a case that should get at least as much attention as that of Raif Badawi.
Saudis with John Kerry
US Secretary of State John Kerry (L) attends two-day conference hosted by Saudi Arabia last June, attended by the president of the UN Human Rights Council (UNHRC). (AP/Jacquelyn Martin)
Ali Mohammed al-Nimr was just 17 when he was arrested by the Saudi authorities in 2012, during a crackdown on anti-government protests in the Shia province of Qatif. He was accused of participating in banned protests and firearms offenses — despite a complete lack of evidence on the latter charge. Denied access to lawyers, al-Nimr is alleged by human rights groups to have been tortured and then forced into signing a confession while in custody. Campaigners say that it seems he has been targeted by authorities because of his family association with Sheikh Nimr al-Nimr, the 53-year-old critic of the Saudi regime who is his uncle. The Sheikh has also been convicted and sentenced to death. After the confession and “trial,” his nephew was convicted at Saudi’s Specialized Criminal Court and sentenced to death. The trial itself failed to meet any international standards. Al-Nimr appealed against his sentence, but this week that appeal was dismissed. It now seems likely that he and his uncle will now be executed. Because charges include crimes involving the Saudi King and the state itself, it seems likely that the method of death will be crucifixion.
If this were in any way to cause a flicker of concern among other participants in the UNHRC farce going on Geneva, they have at least some consolation. For in Saudi Arabia crucifixion is not what it used to be. Indeed, in Saudi Arabia crucifixion begins with the beheading of the victim and only then the mounting of the beheaded body onto a crucifix, to make it available for public viewing. This is a punishment which it would appear is not only Sharia-compliant but also — we must assume — Geneva-compliant.
Saudi executioner. Of course, Ali Mohammed al-Nimr counts as having been a juvenile at the time of his arrest, so not only are the Saudi authorities preparing to crucify someone — in 2015 — whom they tortured into making a confession – they are preparing to crucify someone who was a minor at the time of arrest. Perhaps the authorities at the UNHRC in Geneva do indeed blush when they appoint Saudi officials to head their human rights panels. But it does not seem to affect their behaviour. Just as Saudi authorities think it is “international attention” rather than flogging people to death or crucifying them after beheading that is the problem, so the UNHRC in Geneva seems to think it is public awareness of their grotesque appointments rather than the appointments themselves that are the problem.
The international attention paid to the case of Raif Badawi has not yet seen him released, but it seems to have delayed the next rounds of lashes. Which suggests the Saudi authorities have the capacity to feel some shame. This should in turn be a cause for some hope among everyone who cares about human rights. It should also provide a reminder to everyone to increase global attention on the case of Ali Mohammed al-Nimr and the many others like him who suffer under a government and judicial system that should utterly shame the world outside Geneva, even if it cannot shame the UN.
The author, a senior fellow at the Gatestone Institute, is also director of the Centre for Social Cohesion.
 ·
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

NO! DIGNITà DEVE ESSERE DATA A TUTTI I POPOLI DEL MONDO! IO VOGLIO ED IO PRETENDO UNA SOLUZIONE STRUTTURATA DEL DEBITO PUBBLICO E PRIVATO A LIVELLO MONDIALE! ] Il Programma Banche Il Governo Refi A Milano Don? 'T voglio che tu sappia Chi. Presidente Superato ARPA dare un impulso alla classe media
https://www.lowermybills.com/lending/home-refinance/?pkey1=&pkey2=&pkey3=&sourceid=117700073-290532286-140947&UserID=123-1590143470
Il Programma Banche Il Governo Refi A Milano Don? 'T voglio che tu sappia Chi
Presidente Superato ARPA dare un impulso alla classe media. 21 set 2015
ARPA dà proprietari di abitazione un Once In A Lifetime ipoteca Bailout
Un programma di stimolo mutuo dimenticato che è stato passato da Obama per aiutare la classe media è stato scoperto. Il programma si chiama ARPA, che sta per l'Home Affordable Refinance programma.? Il programma in sé è totalmente gratuito, e dà i proprietari di abitazione una volta nella vita un salvataggio mutuo. Come la maggior parte benefici di governo di questo programma scadrà, ma c'è ancora tempo per un massimo di 700.000 proprietari di casa qualificati di trarre vantaggio. 'S importante che i proprietari indossano?'? T aspettare anche se, come il programma scadrà il prossimo anno.
ARPA elimina pagamenti ipotecari, riduce ciò che i proprietari di abitazione devono, abbassa i tassi di interesse
ARPA è un programma con nessun aspetto negativo. ARPA non aggiunge alcun costo per la tua refi perché? 'Un programma di governo totalmente gratuito, e aiuta i proprietari di abitazione ottenere migliori, mutui più accessibili. I proprietari di abitazione hanno usato ARPA per eliminare fino a 15 anni di rate del mutuo, tagliare i tassi di interesse a metà, o anche semplicemente abbassare i loro pagamenti mensili e risparmiare fino a $ 3.000 l'anno.
Come ottenere un prestito HARP
Per aiutare i proprietari a trovare le banche che offrono rifinanzia HARP, servizi come LowerMyBills sono disponibili. LowerMyBills è un servizio completamente gratuito che molti proprietari di casa amano perché li aiuta a confrontare facilmente più istituti di credito in una sola volta. Ci vogliono solo circa tre minuti di utilizzare il loro modulo online facile, e la loro rete di fiducia di istituti di credito può aiutare a calcolare il nuovo pagamento casa e vedere se si qualificano per ARPA.
The Government Refi Program Banks In Milan Don 't Want You To Know About
President Passed HARP To Provide A Boost To The Middle Class
https://www.lowermybills.com/lending/home-refinance/?pkey1=&pkey2=&pkey3=&sourceid=117700073-290532286-140947&UserID=123-1590143470
The Government Refi Program Banks In Milan Don 't Want You To Know About
President Passed HARP To Provide A Boost To The Middle Class
September 21, 2015

HARP Gives Homeowners a Once In A Lifetime Mortgage Bailout
A forgotten mortgage stimulus program that was passed by Obama to help the middle class has been uncovered. The program is called HARP, which stands for the Home Affordable Refinance Program. The program itself is totally free, and gives homeowners a once in a lifetime mortgage bailout. Like most government benefits this program will expire, but there is still time left for up to 700,000 qualified homeowners to take advantage. It' s important that homeowners don' t wait though as the program will expire next year.
HARP eliminates mortgage payments, reduces what homeowners owe, lowers interest rates
HARP is a program with no downside. HARP doesn't add any cost to your refi because it 's a totally free government program, and it helps homeowners get better, more affordable mortgages. Homeowners have used HARP to eliminate up to 15 years of mortgage payments, cut their interest rates in half, or even to just simply lower their monthly payments and save up to $3,000 a year.
How To Get A HARP Loan
To help homeowners find banks that offer HARP refinances, services such as LowerMyBills are available. LowerMyBills is a completely free service that many homeowners love because it helps them easily compare multiple lenders at once. It only takes about three minutes to use their easy online form, and their trusted network of lenders can help you calculate your new house payment and see if you qualify for HARP.
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno faContrassegnato come spam

LA TECNOLOGIA DELLA FUSIONE FREDDA E DELL'IDROGENO ERA GIà DISPONIBILE PIù DI 50 ANNI FA! MA, FARISEI E SALAFITI CON LA ADORAZIONE DEL LORO DEMONIO TALMUD CORANO, HANNO PORTATO IL GENERE UMANO SULL'ABISSO DELLA DISPERAZIONE! LORO HANNO SPORCATO IL MONDO IN TUTTI I SENSI! LA Cari avaaziani, Sta succedendo qualcosa di magico: in tutto il mondo ci stiamo organizzando per scendere in piazza il prossimo 29 novembre, poche ore prima del vertice per il clima più importante della nostra generazione!
Sarà una giornata storica, in cui c’è davvero bisogno di tutti noi -- clicca sulla mappa per trovare e partecipare agli eventi organizzati nella tua città e regione:
Sarà grandioso. L'anno scorso in quasi 700mila siamo scesi in strada in tutto il mondo, e insieme abbiamo creato la più grande mobilitazione per il clima della storia. Quest'anno siamo determinati a battere di nuovo il record!
Partecipando in centinaia di migliaia agli eventi organizzati nelle città di tutto il mondo, dimostreremo ai capi di Stato riuniti a Parigi che questo movimento non può essere ignorato, e che accetteremo solamente un accordo ambizioso sul clima, che punti all’obiettivo del 100% di energie pulite.
Clicca qui sotto, cerca un evento nella tua città e partecipa:
https://secure.avaaz.org/it/event/globalclimatemarch?cl=8606704284&v=65179
Non perdiamo questa occasione per mettere al sicuro il nostro futuro, quello dei nostri figli, e tutto quello che abbiamo a cuore.
Clima: Ban Ki moon sul ghiacciaio, non c’è un Piano B perché non c’è un “Pianeta B” (ONU Italia)
http://www.onuitalia.com/2015/07/08/clima-ban-ki-moon-sul-ghiacciaio-non-ce-piano-b-perche-non-ce-pianeta-b/
Clima, Exxon sapeva dal 1981 il legame tra combustibili fossili e riscaldamento climatico (RAI News)
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Clima-Exxon-sapeva-1981-legame-combustibili-fossili-riscaldamento-globale-47604ec3-adf3-498e-908d-9d1150eaefef.html
Da New York a Roma, 1 milione di persone in marcia per il clima (RAI News)
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Da-New-York-a-Roma-1-milione-di-persone-in-Marcia-per-il-Clima-People-s-Climate-March-6bbe7afe-8c13-453c-9d82-cef57a74ced3.html
Clima, un milione in marcia nel mondo - FOTO (Corriere della Sera)
http://www.corriere.it/foto-gallery/ambiente/14_settembre_21/clima-milione-marcia-mondo-63c9949a-419a-11e4-a55b-96aa9d987f34.shtml
Marcia Globale per il Clima: la rivoluzione inizia da qui (articolo del fondatore di Avaaz Ricken Patel sul Guardian - in inglese)
http://www.theguardian.com/environment/2015/jul/29/peoples-climate-march-the-revolution-starts-here  
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

Gaza kids say they aspire to ‘blow up the Jews’ ] King SALMAN SAUDI ARABIA CON LA SHARIA HA SCAGLIATO LA LEGA ARABA CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO! CHE CAZZO POTREBBE MAI IMPORTARE A LUI DI PALESTINESI ED ISRAELIANI? MA TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO REALIZZARE UNA VERA PACE NEL MONDO, DEVONO RISOLVERE LA QUESTIONE EBRAICA INSIEME A ME, OPPURE DEVONO MORIRE VELOCEMENTE, PER COLPA MIA! PERCHé IO SONO L'ESERCITO DEL SIGNORE! [ Muslim children in Gaza recently participated in a kids’ TV show and expressed their desire to join the military wing of the Hamas organization in order to wage jihad and “blow up the Jews.” The September 4 segment, aired on the Hamas-owned al-Aqsa TV channel, showed two young boys dressed in military fatigues who were asked what they wanted to be when they grew up. One of the children, Zakariya, said that he wanted to be an engineer, “so that I can blow up the Jews.” The teenage host of the show quickly corrected Zakariya’s answer saying, “No, we want to blow up the Zionists. You mean the occupation, right?”
The other young host, Wissam, encouraged the boy’s ambition, saying, “Keep waging Jihad, and Allah willing, when you grow up, you will wage resistance against the Jews.” The female host then interrupted her co-host in an effort to clarify the intended target of a future jihad waged against Israel. “Bomb the occupation,” Wissam said, correcting his original response, so that the “al-Aqsa mosque will be liberated.” “Allah willing,” she replied. The other boy, Muhammad, told the hosts that he aspires to be a member of the the al-Qassam Brigades, Hamas’s military wing, and recited a poem about the Palestinian liberation of Jerusalem that he said he had learned from his mother. “O Jerusalem, I shall redeem you with my soul and my blood. I shall liberate you from the Jews by means of the al-Qassam Brigades, of course. I bring glad tidings to our prisoners: Salvation is near,” he said. The segment was translated by the Middle East Media Research Institute, a US-based media watchdog group, and uploaded to YouTube on Tuesday.
 ·
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

king SALMAN SAUDI ROTHSCHILD S.p.A. ] brutte teste di cazzo [ che mia moglie non ne può più di questa storia e mi vuole cacciare di casa! lol.
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

King SALMAN SAUDI ROTHSCHILD ] brutte teste di cazzo [ lasciamo stare il mutuo ipotecario da 220000 euro che io ho dovuto fare per risolvere i vostri problemi, ma, per finire questo lavoro? io ho dovuto regalare un gioiello da 100 euro a mia moglie! [ lol. vi metto anche questa spesa sul vostro libro paga! lol.
Rispondi
 ·
UniusRei31 giorno fa

king SALMAN SAUDI ARABIA CON LA SHARIA HA SCAGLIATO LA LEGA ARABA CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO! CHE CAZZO POTREBBE MAI IMPORTARE A LUI DI PALESTINESI ED ISRAELIANI? MA TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO REALIZZARE UNA VERA PACE NEL MONDO, DEVONO RISOLVERE LA QUESTIONE EBRAICA INSIEME A ME, OPPURE DEVONO MORIRE VELOCEMENTE, PER COLPA MIA! PERCHé IO SONO L'ESERCITO DEL SIGNORE! Alexander Levlovich was driving through Jerusalem when Palestinians attacked his car with rocks, killing him. The facts of the murder are simple, but not according to the New York Times. Alexander Levlovich, 64, was driving through Jerusalem with two friends, on their way home from Rosh Hashanah dinner, when Palestinians attacked his car with rocks. The assault caused the car to crash, killing Levlovich, and injuring his friends.
But not according to the New York Times. “Jewish Man Dies as Rocks Pelt His Car in West Bank,” the headline announced. Look at that language. Notice how there are no Arabs, no Palestinians, no attackers at all; the car is “pelted” by rocks, but not by anybody in particular.
Levlovich might as well have been murdered by Martians. Not even murdered, in fact; he simply “dies.”
Alexander Levlovich stava guidando per Gerusalemme quando i palestinesi hanno attaccato la sua auto con le rocce, uccidendolo. I fatti del delitto sono semplici, ma non secondo il New York Times.
Alexander Levlovich, 64, stava guidando attraverso Gerusalemme con due amici, tornando a casa da Rosh Hashanah cena, quando i palestinesi hanno attaccato la sua auto con le rocce. L'assalto ha causato la macchina in crash, uccidendo Levlovich, e ferendo i suoi amici.
Ma non secondo il New York Times. "L'uomo ebreo muore Rocks Pelt sua auto in West Bank", ha annunciato il titolo. Guardate quella lingua. Notate come non ci sono gli arabi, né i palestinesi, senza attaccanti a tutti; la vettura è "bersagliato" da rocce, ma non da qualcuno in particolare.
Levlovich potrebbe anche essere stato ucciso dai marziani. Nemmeno assassinato, infatti; egli semplicemente "muore".
But don’t blame it all on the headline-writers. The article itself was even worse. In her opening paragraph, correspondent Diaa Hadid noted that recently there have been rock-throwing incidents, “mostly by Palestinian youths.”
“Mostly?” So in other words, Palestinian rock-throwing attacks are only part of the problem? Jewish rock-throwers have been attacking Palestinian cars? Only in Diaa Hadid’s imagination, of course.
And she didn’t stop there. Hadid, while posing as an objective journalist, went so far as to present a rationalization for Palestinian rock-throwing: “Palestinians frequently argue that rocks and crude incendiary devices are among their only weapons to press for independence, and to defend themselves against Israeli forces during confrontations. For some young Palestinians in areas where there are frequent tensions, their use has become a rite of passage.”
Wow. How many falsehoods and distortions can a New York Times correspondent pack into a single paragraph?
“Crude incendiary devices?” That’s a code-word for firebombs. Hadid downplays their significance by labeling them “crude.” But even “crude” firebombs can wreak devastation. Evidently Diaa Hadid has forgotten—or prefers to forget—about 11 year-old Ayala Shapira, the passenger in a car driven by her father near Ma’ale Shomron last December. A “crude incendiary device” was thrown by Palestinians at her car. She suffered severe burns to more than 50 percent of her body. Think for a moment about the pain she will endure for years, perhaps decades, to come.
“Their only weapons to press for independence?” Independence from what? It’s been 20 years since Israel withdrew from the cities where 98 percent of the Palestinians live. They are ruled by the Palestinian Authority, not Israel. They’re not fighting for “independence.” They’re trying to murder Jews.
“Defend themselves against Israeli forces during confrontations?” But the Palestinian are the ones who initiate those confrontations. They throw rocks and “crude incendiary devices” at the Israelis. They are not “defending themselves”; they are the aggressors.
Throwing rocks is a “rite of passage?” That’s the language one uses to describe a bar mitzvah, not an attempt to murder someone. In trying to make rock-throwing seem understandable, Hadid inadvertently acknowledged that Palestinian society is so barbaric that stoning Jews to death is acceptable, praiseworthy, and almost obligatory. Which, of course, makes the pro-Palestinian slant of her reporting all the more reprehensible.
One final note on Diaa Hadid’s “news” article. You wouldn’t know it from reading the New York Times, but Alexander Levlovich is the 16th Israeli, some of them dual Israeli-American citizens, to be murdered by Palestinian rock-throwers since the 1980s. Who remembers their names? Who cares about their widows and orphans? When will American Jewish organizations step up and make this into a major issue?
By: Stephen M. Flatow/JNS.org. Flatow is an attorney in New Jersey and is the father of Alisa Flatow who was murdered in a Palestinian terrorist attack in 1995.  Ma non darne la colpa a titolo-scrittori. L'articolo era anche peggio. Nel suo paragrafo di apertura, corrispondente Diaa Hadid ha osservato che di recente ci sono stati incidenti-rock lancio, "per lo più da giovani palestinesi."
"Per lo più?" Quindi, in altre parole, gli attacchi-rock gettando palestinesi sono solo una parte del problema? Ebrei rock-lanciatori hanno attaccato le auto palestinesi? Solo in fantasia di Diaa Hadid, naturalmente.
E lei non si è fermata lì. Hadid, mentre posa come giornalista obiettiva, arrivò al punto di presentare una razionalizzazione per il rock-lancio palestinese: "I palestinesi spesso sostengono che le rocce e dispositivi incendiari rudimentali sono tra i loro uniche armi per premere per l'indipendenza, e per difendersi contro le forze israeliane durante gli scontri. Per alcuni giovani palestinesi nelle zone dove ci sono tensioni frequenti, il loro uso è diventato un rito di passaggio ".
Wow. Quante falsità e distorsioni può un corrispondente pacchetto del New York Times in un unico paragrafo?
"I dispositivi incendiari del greggio?" Questa è una parola in codice per bombe incendiarie. Hadid minimizza il loro significato per etichettarli "rozzo". Ma anche bombe incendiarie "grezzi" può provocare devastazione. Evidentemente Diaa Hadid ha dimenticato, o preferisce dimenticare, circa 11 anni, Ayala Shapira, il passeggero in una macchina guidata da suo padre vicino Ma'ale Shomron lo scorso dicembre. Un "ordigno incendiario grezza" è stata lanciata dai palestinesi nella sua auto. Ha sofferto gravi ustioni per oltre il 50 per cento del suo corpo. Pensate per un attimo il dolore che durerà per anni, forse decenni, a venire.
"Le loro uniche armi a premere per l'indipendenza?" Indipendenza da cosa? Sono passati 20 anni da quando Israele si è ritirato dalle città in cui il 98 per cento dei palestinesi vive. Essi sono governati dall'Autorità Palestinese, non Israele. Non stanno combattendo per "indipendenza". Stanno cercando di uccidere gli ebrei.
"Difendersi contro le forze israeliane durante scontri?" Ma il palestinese sono quelli che avviano tali scontri. Gettano rocce e "grezzi dispositivi incendiari" presso gli israeliani. Essi non sono "difendono se stessi"; sono gli aggressori.
Lanciare sassi è un "rito di passaggio?" Questo è il linguaggio si usa per descrivere un bar mitzvah, non un tentativo di uccidere qualcuno. Nel tentativo di fare rock-lancio sembra comprensibile, Hadid inavvertitamente ha riconosciuto che la società palestinese è così barbaro che la lapidazione a morte gli ebrei è accettabile, encomiabile, e quasi d'obbligo. Il che, ovviamente, rende l'inclinazione filo-palestinese della sua segnalazione tanto più riprovevole.
Stephen M. Flatow. Una nota finale sulla "notizia" l'articolo di Diaa Hadid. Tu non sai che dalla lettura del New York Times, ma Alexander Levlovich è il 16 ° di Israele, alcuni dei quali cittadini dual israelo-americano, per essere assassinato da rock-lanciatori palestinesi a partire dagli anni 1980. Chi si ricorda i loro nomi? Chi se ne frega le loro vedove e gli orfani? Quand'è che le organizzazioni ebraiche americane intensificare e rendere questo in un grosso problema?
Da: Stephen M. Flatow / JNS.org. Flatow è un avvocato nel New Jersey ed è il padre di Alisa Flatow assassinato in un attentato terroristico palestinese nel 1995.